ADSL lentissima a Siena, ma il Comune pensa a sviluppare il progetto “Francigena Wi-Fi” Stampa
Sabato 18 Aprile 2015 19:32

La qualità del collegamento Adsl nel territorio comunale ha costituito il tema di un’interrogazione sottoscritta da Marco Falorni, Andrea Corsi e Massimo Bianchini.

Falorni, illustrando in aula il documento, ha riportato sia il quadro comunitario, che vede l’Italia nella 27esima posizione sui 28 paesi dell’Unione Europea quanto a disponibilità di banda larga, sia quello nazionale in cui, secondo il sito Netindex.com, Siena occupa mediamente l’800esimo posto su una graduatoria di 1.249 Comuni rilevati in termini di accesso ai servizi internet e alle infrastrutture digitali.

In considerazione di tale quadro, Falorni ha chiesto al sindaco se fosse a conoscenza del problema e di confermarne o meno la gravità, illustrando le eventuali azioni di intervento.

 

 

L’assessore ai sistemi informativi Mauro Balani ha risposto che il Comune è coinvolto e parte attiva in tutti i progetti di ambito regionale e nazionale tesi a sviluppare infrastrutture digitali che siano in grado di migliorare le performance del web e che, da molto tempo, pur non potendo intervenire sul mercato commerciale, sono in atto investimenti di risorse per portare la banda larga su tutti i servizi rivolti ai cittadini. Ne sono una testimonianza i dieci access point per la navigazione gratuita sul web e aperta a tutti, per due ore al giorno, implementati grazie all’adesione del Comune alla piattaforma standard dell’intero ambito provinciale “TerrediSiena WiFi”, federata alla diffusa rete “Free ItaliaWifi”. L’assessore ha proseguito indicando come, tramite il progetto “Francigena Wi-Fi”, finanziato dalla Regione Toscana, siano stati attivati dodici ulteriori access point per un servizio utilizzabile da pellegrini, turisti e anche dagli abitanti delle zone cittadine attraversate dal percorso.

Inoltre, come ha ricordato l’assessore, fin dalla fine degli anni ’90 il Comune si è impegnato nella creazione di una rete in fibra ottica per la propria rete civica che, in collaborazione con il Consorzio Terrecablate, quest’anno verrà ampliata, sviluppata e incrementata.

Falorni ha ritenuto interessante, ma fuori tema, la risposta dell’assessore e ha ribadito la propria insoddisfazione per il quadro complessivo della situazione senese, soprattutto per la scarsa velocità dei sistemi di collegamento al web e per l’incidenza di questo gap anche in termini di produttività economica.