Fortezza, persi oltre due anni aspettando un inesistente rilancio, con 2 mila euro per “premio di consolazione” PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Ottobre 2017 13:19

E’ pervenuta la risposta scritta della giunta comunale alla mia interrogazione in merito al bando del 2015 per l’affidamento in concessione di una porzione della Fortezza medicea.

Questo è il testo della interrogazione presentata.

“Con riferimento al bando del 11 maggio 2015 per l’affidamento in concessione dell’uso di una porzione della Fortezza medicea per lo svolgimento di attività culturali, ricreative e di aggregazione destinate ad un pubblico giovanile, ed alla successiva assegnazione per cinque anni ad una associazione di cinque imprese nell’agosto 2015;

considerato che sono passati oltre due anni e non è stato fatto niente;

CHIEDO AL SINDACO

cosa aspetta il Comune per applicare il recesso, esperendo ogni eventuale azione a tutela dell’Amministrazione Comunale”.

 

 

Questo è il testo della risposta del Comune.

“Con riferimento all’interrogazione in oggetto, si precisa che, con determinazione n. 1718 del 24 agosto 2017 l’Amministrazione comunale ha revocato definitivamente la concessione in uso di una porzione della Fortezza medicea a favore della rete di imprese di Siena aggiudicataria, di cui alla determinazione dirigenziale n. 1262/2015, provvedendo contestualmente all’incameramento della cauzione provvisoria prestata a garanzia della stipulazione del relativo contratto”.

Va precisato che la cauzione incamerata dal Comune è di 2 mila euro.

Conclusione: il Comune di Siena ha perso oltre due anni aspettando inutilmente il rilancio della Fortezza, ed alla fine si consola con 2 mila modesti eurini.

Marco Falorni

Impegno per Siena

 
© 2008 impegnopersiena