Germanico Tolomei, uomo di grande cultura PDF Stampa E-mail
Venerdì 29 Settembre 2017 12:50

Chi entra nella chiesa di San Cristoforo in piazza Tolomei, sulla parete sinistra trova subito un bel monumento sepolcrale barocco: è quello di Germanico Tolomei, realizzato da Bartolomeo Mazzuoli nel 1711.

 

 

Germanico Tolomei, di famiglia nobile e potente, dei grandi di Siena, aveva il patronato sulla chiesa di San Cristoforo, e fu un protagonista della vita senese del ‘600. Fu canonico della cattedrale e vicario generale di due arcivescovi senesi: il cardinale senese Celio Piccolomini (1609-1681, anche arcivescovo di Siena dal 1671) e monsignor Leonardo Marsili (arcivescovo di Siena dal 1682 e morto nel 1713). Uomo di grande cultura, giureconsulto, letterato, filosofo e teologo, il Tolomei insegnò nello studio senese, che lo ebbe come celebrato docente di legge, specializzato nel diritto canonico, e fu richiesto anche da altre università, con soggiorni a Roma e a Padova. Fu autore di trattati scientifici e di agiografie.

Germanico Tolomei morì il 14 marzo 1691, all’età di 58 anni, e fu sepolto in San Cristoforo.

Senio Ghibellini

 
© 2008 impegnopersiena