PD & C. riescono a sciupare anche i momenti più belli, come solo loro sanno fare PDF Stampa E-mail
Archivio - Politica
Sabato 25 Giugno 2016 15:58

Dovete sapere che i nostri amministratori sono capaci come pochi di sciupare, almeno in parte, anche le cose belle e pienamente condivisibili da tutti. Giovedì 23 giugno si è riunito in seduta straordinaria il consiglio comunale, con la partecipazione di numerose autorità, per celebrare i 70 anni del voto alle donne in Italia. In aula c’erano alcune decine di novantenni, ed anche centenarie, in gambissima, che avevano votato per la prima volta nel 1946, e che sono state giustamente festeggiate. Tutto bello? Non sia mai detto. I nostri eroi hanno pensato bene di introdurre l’incontro con un filmato, di una ventina di minuti circa, in cui del voto alle donne se ne è parlato all’inizio, sì e no per una trentina di secondi. Poi si è parlato di tutt’altre cose, completamente fuori tema: dal divorzio all’aborto, dall’inclusione sociale al bullismo, dalla disabilità all’immigrazione, e ciliegina sulla torta dai matrimoni gay e lesbo alla transessualità, con tanto di bacio fra due ragazzi adolescenti. Ora, su alcuni temi posso essere d’accordo, su altri magari in parte, ma comunque sarebbero stati da trattare in altri contesti, non certo in occasione dell’incontro sul voto alle donne.

 

 

Capite bene, poi, che se c’è un tema divisivo per sua natura è quello dei matrimoni gay. Sia chiaro che io, pur mantenendo le mie idee, rispetto chi la pensa diversamente, ma far passare anche questo come un diritto universale e indiscutibile, proprio come il voto alle donne, appunto, è veramente una forzatura volgare e inaccettabile. Ma loro sono fatti così. Sono capacissimi, e ne danno continua dimostrazione, di minare anche i momenti che dovrebbero essere di sincera condivisione, al di là delle collocazioni politiche. Non sarà certo questa la cosa più grave che hanno fatto, ma è indicativa di un approccio culturale di parte, incompatibile con una visione generale della società da amministrare. Non solo per questo, ci mancherebbe, ma anche per questo vanno mandati a casa il prima possibile. Quando si amministra bisogna essere attenti a rispettare la propria comunità, tutta, non solo gli amici. Niente da fare, è più forte di loro. Ho chiesto copia, per accesso agli atti, del filmato di cui sopra.

Marco Falorni

 
© 2008 impegnopersiena