Sicurezza in Pantaneto: l’unica buona notizia è che non sarà il Comune a pagare gli steward PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Febbraio 2016 14:31

Ricordate l’interrogazione sull’impiego di steward privati in Pantaneto presentata dai consiglieri Falorni, Bianchini e Corsi? Per leggerne il testo completo cfr. http://www.impegnopersiena.com/index.php?option=com_content&view=article&id=2535:steward-in-pantaneto-chi-li-paga-e-che-cosa-sanno-fare-meglio-dei-vigili-urbani&catid=40:varie&Itemid=49 .

 

 

Alla stessa è stata data risposta, nella seduta consiliare del 25 febbraio 2016, dal vicesindaco Fulvio Mancuso. Si è trattato di una risposta molto generica, che ha ripercorso l’annoso problema dell’ordine pubblico serale e notturno in Pantaneto e dei timidi tentativi fatti per porvi rimedio. L’unica notizia concreta e positiva è consistita nel fatto che Mancuso ha assicurato che l’uso degli steward sarà eventualmente deciso e pagato dai commercianti, senza nessun concorso di spesa da parte del Comune. Per questo, in sede di replica, Marco Falorni, capogruppo di Impegno per Siena, si è dichiarato parzialmente soddisfatto, però ha aggiunto: “Non è stato risposto alla domanda su che cosa possono fare gli steward e non possono fare i vigili urbani.  L’iniziativa degli steward può in qualche modo suonare offensiva nei confronti della nostra polizia municipale, che ha tutte le competenze e le capacità per agire”. “Certo - ha aggiunto Falorni - anche la polizia municipale va aiutata. Mi ricordo che, diversi anni fa, da parte dell’amministrazione fu annunciato un programma di addestramento della polizia municipale, per migliorare le tecniche di autodifesa personale, e dotazione di un kit individuale di difesa, che prevedeva alcuni idonei strumenti. Non abbiamo saputo più niente. Che cosa è stato fatto?”.

 
© 2008 impegnopersiena