E’ una lotta per la libertà… anche di NON “respirare” le ceneri del caro estinto PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Agosto 2015 13:09

Una interrogazione in merito alla dispersione delle ceneri all’interno del cimitero del Laterino è stata presentata dal consigliere comunale Marco Falorni, capogruppo di Impegno per Siena. Qui di seguito eccone il testo.

 

 

Premesso:

- Che la Legge Regionale 31 maggio 2004 n. 29, art. 4 comma 1 lett. a) prevede che la dispersione delle ceneri dei defunti è consentita “in aree a ciò destinate all’interno dei cimiteri di cui all’art. 80 comma 6 del DPR 285/90”;

- Che il DPR 10 settembre 1990 n. 285 art. 80 comma 6 prevede che “Ogni cimitero deve avere un cinerario comune per la  raccolta  e la conservazione in perpetuo e collettiva  delle  ceneri  provenienti dalla cremazione delle salme”;

- Che il Regolamento Comunale di Polizia Mortuaria del Comune di Siena, di cui alla delibera del Consiglio Comunale del 7 febbraio 2008 n. 51 all’articolo 51 comma 2 recita che “presso il cimitero comunale del Laterino è prevista un’area destinata alla dispersione delle ceneri e cioè il cinerario comune”, mentre il comma 3 prevede che la dispersione delle ceneri possa avvenire: “lettera a) nel cinerario comune di cui all'articolo 80, comma 6, del D.P.R. 285/1990; (omissis); lettera f) in AREE NATURALI situate nel territorio del Comune di Siena ed appositamente individuate nell’ambito delle aree di propria pertinenza, dal Comune di Siena, dalla Provincia di Siena, dalla Regione Toscana a distanza di oltre duecento metri da centri e insediamenti abitativi”. Inoltre il comma 4 recita: “La dispersione E’ VIETATA NEI CENTRI ABITATI come definiti dall'art.3, comma 1, numero 8), del D.Lgs. 30 aprile 1992 n.285 (Codice della strada)”.

Rilevato:

- Che nella seduta del Consiglio Comunale del 28 aprile 2015, in risposta ad una interrogazione in merito alla funzione della cremazione, il Sindaco (cfr. atto n. 92) ha dichiarato che l’Amministrazione sta studiando le modalità “per accogliere all’interno del cimitero del Laterino la presenza di un’area per la dispersione delle ceneri”.

Tutto ciò premesso e rilevato, al Signor Sindaco

CHIEDO

- Che cosa intende per “area per la dispersione delle ceneri” all’interno del cimitero del Laterino, visto che un’apposita area già c’è, e consiste nel cinerario comune;

- Se intende realizzare un’area apposita per la dispersione libera delle ceneri all’interno del cimitero comunale del Laterino;

- Se ritiene quest’ultima eventualità non in contrasto con il quadro normativo vigente in materia, e sopra richiamato, ed in particolare con la Legge Regionale 29/2004 e con lo stesso vigente Regolamento di Polizia Mortuaria del Comune di Siena;

- Se ritiene che disperdere le ceneri nell’area cimiteriale non sia in contrasto con le più elementari norme igieniche, in quanto le ceneri stesse, in presenza di vento e non solo nel momento della dispersione, potrebbero investire i cittadini in visita nel cimitero e i residenti nella vicina sottostante area di Fontebranda esterna.

 
© 2008 impegnopersiena