Salviamo Asia Bibi, Comune e Fondazione Barnabei si muovano! PDF Stampa E-mail
Archivio - Politica
Venerdì 24 Ottobre 2014 20:03

Il consigliere Marco Falorni, capogruppo di Impegno per Siena, ha presentato una interrogazione  in merito alle azioni da intraprendere con urgenza per la salvezza della ragazza cristiana pakistana Asia Bibi. Qui di seguito eccone il testo.

 

 

Premesso:

- che il 16 ottobre 2014 la corte d’appello di Lahore, in Pakistan, ha confermato la condanna a morte per Asia Bibi, una ragazza cristiana accusata, probabilmente a torto, di blasfemia;

Considerato:

- che dal 2001 il Comune di Siena, insieme ad altri enti, ha costituito la Fondazione Derek Rocco Barnabei contro la pena di morte;

- che tale Fondazione si occupa in particolare di: a) dare sostegno alla battaglia per la moratoria e per l’abolizione della pena di morte in tutto il mondo; b) promozione della cultura dei diritti umani attraverso iniziative culturali, attività nelle scuole e nelle università; c) informazione per l’opinione pubblica e promozione di campagne di solidarietà, anche per specifici e singoli casi, in ogni parte del mondo;

Ricordato:

- che, almeno stando a quanto si evince dal sito internet del Comune di Siena, l’ultimo intervento pubblico della Fondazione Derek Rocco Barnabei risale al 16 novembre 2010, quando la stessa Fondazione aderì alla campagna promossa da TV2000 proprio per la salvezza della ragazza pakistana Asia Bibi condannata a morte in primo grado;

- che dopo la conferma della suddetta condanna in secondo grado, avvenuta fra l’altro con sentenza che appare essere stata influenzata da un pesante condizionamento ambientale, la vita di Asia Bibi appare appesa ad un filo, ed alla esile speranza che la corte suprema del Pakistan possa ribaltare i precedenti verdetti;

- che il tempo stringe, e che per la salvezza di Asia Bibi, come di altre donne ed uomini che corrono gli stessi rischi in una vasta area geografica, occorre una forte mobilitazione internazionale;

- che per la sua notorietà mediatica mondiale, il caso di Asia Bibi ha un valore simbolico ed esemplare assolutamente da cogliere per portare avanti la battaglia contro la pena di morte;

chiedo al signor sindaco

se non ritiene opportuno, per contribuire alla salvezza di Asia Bibi, sollecitare una forte ed immediata mobilitazione da parte della Fondazione Derek Rocco Barnabei contro la pena di morte, e se non ritiene di mettere in atto opportune iniziative anche direttamente come Comune di Siena, per esempio facendo pervenire la propria posizione all’ambasciata del Pakistan in Italia.

 
© 2008 impegnopersiena