La Virtus dei ragazzini compie l'ennesimo miracolo PDF Stampa E-mail
Lunedì 12 Aprile 2010 12:37

La notizia viene dal basket “minore”: strepitosa, magica Virtus Siena, che per il quarto anno consecutivo raggiunge i playoff del campionato di serie A dilettanti. La società fondata dal mitico don Armando Perucatti, ed oggi guidata dal presidentissimo Fabio Bruttini, è stata costretta a giocare la partita più importante della stagione “esiliata” dal Palasclavo, e precisamente sul parquet del Palafrancioli di Colle Val d’Elsa. Una Virtus che quest’anno è stata ringiovanita fino all’incredibile, che da tempo deve scontare le pesanti assenze per infortunio di Tomasiello e Derraa, che durante la tiratissima partita contro il forte Sant’Antimo, ha dovuto scontare, in corso d’opera, anche gli infortuni di Carenza e Portannese, è stata comunque capace di lottare e di vincere, con il cuore. “Nonno” Casadei ha guidato la truppa dei baby virtussini, con Cuccarolo e Andreaus nella veste di “veterani”, con Diomede a menare le danze in regìa, e con il quindicenne Matteo Imbrò a permettersi il lusso di rubare la palla decisiva, subire fallo antisportivo, e mettere dentro i due tiri liberi più pesanti della sua ancora precoce carriera, con una freddezza da invidiare. E così i vari Gizzi, Vico, Gatti & C., giocatori che come tasso di esperienza ne hanno da vendere, sono tornati a casa sconfitti (71-69) dalla Virtus dei miracoli targata Marcello Billeri, un coach che sta facendo della serietà e dell’umiltà, non disgiunte dal carattere, un marchio di fabbrica. I tanti senesi che hanno raggiunto Colle per vedere un po’ di sano basket ruspante, si sono davvero divertiti.

 

 
© 2008 impegnopersiena