Parcheggi gratis per "La Città Aromatica", il Comune... sciala! PDF Stampa E-mail
Domenica 12 Agosto 2012 20:39

Come se la città vivesse ancora al tempo delle vacche grasse, e non fosse ormai alla vigilia dell’autunno più difficile della sua storia a memoria d’uomo, dal 28 al 31 agosto 2012 si svolgerà ancora una volta, implacabilmente, la rassegna detta “La Città Aromatica”, con una serie di spettacoli di piazza gentilmente offerti gratuitamente al pubblico senese e della provincia. Gli eventi dei giorni 28, 29 e 30 agosto si svolgeranno in piazza San Francesco con inizio alle ore 21,15 e saranno, come detto, ad ingresso libero, mentre l’ultimo, il 31 agosto, il concerto di Patti Smith, si terrà in piazza del Campo alle ore 21,30.

 

 

Un po’ costosa la dodicesima rassegna “aromatica”, visti i tempi? Niente paura, main sponsor sarà, manco a dirlo, la Banca Monte dei Paschi di Siena, mentre sponsor tecnico sarà ancora una volta Siena Parcheggi, che garantirà la sosta gratuita nel parcheggio di San Francesco dalle ore 20 del 28, 29 e 30 agosto fino alle ore 2 dei  giorni successivi ad ogni evento; mentre venerdì 31 agosto la sosta sarà gratuita, nella stessa fascia temporale, in tutti i parcheggi in struttura, compresi Policlinico 1 e 2 e Stazione ferroviaria.

 

 

Avete letto bene. La società Siena Parcheggi, che è del Comune di Siena, il quale quindi beneficerebbe indirettamente degli incassi, ha deciso, per favorire l’afflusso del pubblico non pagante, di rendere gratuiti tutti i parcheggi, compresi quelli all’ospedale e alla stazione ferroviaria! A parte la beffa nei confronti di chi ha bisogno di curarsi all’ospedale, che tutti i giorni è costretto a pagare la sosta per andare a “divertirsi” dentro il nosocomio, c’è da chiedersi se chi vuole andare a sentire la musica in piazza del Campo deve andare a parcheggiare in fondo a viale Bracci!? E soprattutto c’è da chiedersi se le casse del Comune sono così floride da permettere ad una propria società controllata di “scialare”, non per motivi sociali, ma per consentire ai giovani della provincia di andare a divertirsi gratis per una notte di baldoria?! Come se nel frattempo il Comune non avesse già chiesto e non fosse in procinto di chiedere ulteriori sacrifici ai propri cittadini!!!

 

 

Su IPS abbiamo già scritto che la politica della sosta va completamente rovesciata. Non era un modo di dire, per far passare il concetto che andrebbe cambiato tanto e basta. No, va cambiato proprio tutto, va fatto l’esatto contrario di quello che è stato finora, e che, anche in era commissariale, si continua implacabilmente a fare.

 

 

Se i cittadini senesi sono contenti così, allora la prossima primavera seguitino a votare come al solito. Se pensano invece che è l’ora di svegliarsi, per i parcheggi bisognerà fare così: quando ci sono iniziative ricreative, fossero esse anche di ben maggiore livello culturale della “Città aromatica” e capaci di attirare turismo vero e non “gratuito”, i parcheggi si pagano. Eccome se si pagano, perché è proprio quello il momento di fare legittimamente cassa per un Comune che ha bisogno assai. E che per giunta tartassa con la tariffa unica di 20 euro i turisti che arrivano in città il giorno del Palio. Così, tanto per favorire il turismo, già salassato con ticket autobus carissimi e tassa di soggiorno, salata...

 

 

I parcheggi all’ospedale, invece, non per i concerti, ma tutti i giorni dell’anno bisognerà trovare il modo di farli pagare poco, o niente, perché, repetita iuvant, la gente all’ospedale non ci va a divertirsi. Per gli altri parcheggi a pagamento, rovesciamento della filosofia delle tariffe, facendo come a Lucca: tariffe bassissime per le prime due ore, per consentire lo shopping, e poi costi a salire, ma nei limiti del ragionevole. Cari senesi, sveglia!

Vedochiaro

 
© 2008 impegnopersiena